Carlo Felice De FerrariSulla situazione del Carlo Felice è il caso di dire: niente di nuovo sul fronte occidentale. Le notizie che riguardano il  piano industriale evidenziano ancora una volta una situazione assai critica, determinata da una inadeguata politica amministrativa. All’orizzonte nessuna prospettiva per rilanciare l’ente lirico, ma soluzioni che sono tapulli! Rimedi già visti che non solo non hanno sanato ma in certi casi hanno aggravato le condizioni.

Sono scandalizzato da quanto sta emergendo e non nascondo il mio totale disgusto. Siamo davanti a un consiglio di amministrazione che ha fallito nella  gestione e a un sindaco che dirige un requiem piuttosto che offrire gli spunti per un  programma di rilancio.

Ora basta! Troppe inadempienze, troppe false verità sono state portate avanti senza mai evidenziare le responsabilità di qualcuno. Sino a quando sarà possibile perseguire questa strada? È possibile continuare a parlare esclusivamente di tagli? Di licenziamenti ? Quando si inizierà a parlare di una vera stagione, di una programmazione che preveda manifestazioni, tournée, incisioni discografiche, festival del Balletto e premio Paganini?  Tutto questo è’ una vergogna ! Attendo di leggere il piano industriale, ma non mi aspetto nulla di edificante.

In attesa perdonate il mio sfogo espresso in queste brevi righe che rispondono fedelmente al mio stato d’anima.

Genova merita molto di più, a partire dal Carlo Felice.

Annunci