Ferrovia Genova Casella 1 ©PGassaniIl servizio erogato dalla Ferrovia Genova-Casella riprenderà entro la fine del 2014.

Una garanzia che arriva direttamente dalla Regione Liguria, con l’assicurazione di AMT a onorare gli impegni assunti.

Dopo i gravi errori commessi nei mesi scorsi che hanno causato disagi agli utenti e non poche polemiche, AMT azzerando le operazioni sino ad oggi realizzate prevede una nuova gara (giugno) per assegnare i lavori di manutenzione straordinaria, con successivo inizio cantiere. Il restyling dovrebbe terminare entro quest’anno consentendo la ripresa del servizio ferroviario sostituito attualmente dai bus.

Ho appreso queste notizie nel corso della riunione tenutasi ieri pomeriggio, presso gli uffici dell’assessorato regionale ai trasporti.

Sono soddisfatto per il ruolo assunto dall’assessore Enrico Vesco, che ancora una volta si è rivelato fondamentale per una soluzione efficace. Non posso, altrettanto, esprimere il mio entusiasmo, soprattutto se considero le vicende precedenti che hanno causato un’inutile perdita di tempo. Sono, quindi, perplesso per una situazione poteva e doveva essere evitata. Esprimo, in merito agli impegni assunti ieri da AMT, la mia fiducia con diritto di riserva, precisando che su questo fronte i Comuni di Sant’Olcese e di Casella sono uniti e vigileranno.

L’intervento straordinario per la sostituzione del ponte di Fontanassa, doveva iniziare nell’estate del 2013 per terminare nello scorso autunno; purtroppo non è stato così ed entrambi le aziende che si erano aggiudicate l’appalto della gara, prima una e poi l’altra, hanno rinunciato all’esecuzione dei lavori, costringendo ad indire un nuovo bando.  Una pessima gestione che ha causato disagi all’utenza; per questo motivo i comuni di Casella e di Sant’Olcese hanno chiesto una revisione della politica tariffaria della bigliettazione, prevedendo una riduzione o un bonus di risarcimento.

Nel ricevere garanzie da parte della Regione Liguria, abbiamo espresso preoccupazioni giustificate e diffuse che vedono nella chiusura della Linea FGC un rischio elevato. Pericolo che vogliamo allontanare definitivamente. Mi auguro che al più presto abbiano inizio i lavori di restauro; la nostra attesa ha dimostrato pazienza, ma questa non è infinita.

Per evitare errori procedurali, che hanno causato il fallimento precedente, abbiamo chiesto di indire una gara d’appalto a “corpo” e non a “misura”, al fine  di scongiurare la lievitazione dei costi nel corso dell’intervento programmato.

Spiace doversi confrontare su questa triste realtà che poteva essere evitata, ma purtroppo la condizione odierna non consente diversamente da quanto avremmo sperato.

Con la aspettativa di vedere, nel più breve tempo possibile, la ripresa della circolazione del trenino di Casella nelle nostre vallate, avverto che non abbasseremo mai la guardia!

Annunci