IdrogeologicoEsiste un’emergenza nazionale che può essere identificata come una questione idrogeologica, e che deve essere affrontata con misure opportune. Non è possibile, ma oramai sta diventando la regola, che davanti alla previsione di nuove piogge scatti l’allerta meteo, creando disagio e timori giustificati. Questo perché manca, oggi più che mai, la politica della prevenzione per affrontare il dissesto idrogeologico che sta caratterizzando il nostro Paese. In gioco c’è il futuro del nostro territorio, della sua economia, ma soprattutto il futuro e la tutela di vite umane.

In Italia come del resto sul nostro territorio regionale le denunce appartengono quasi sempre alla cultura del giorno dopo. Si grida tanto alle tragedie che potevano e dovevano essere evitate ma forse non si agisce costantemente e tempestivamente per superare questa drammaticità, che purtroppo evidenzia lo stato fragile del nostro territorio. Le piogge deboli che si stanno abbattendo in questi giorni stanno mettendo ancora una volta  in ginocchio e in seria difficoltà un territorio già colpito duramente. Troppe le parole che non trovano poi concretezza; necessitano, invece, interventi e politiche ambientali non fatte di parole e buoni propositi ma di effettività.

È chiaro che nella gestione, soprattutto per quanto concernono le problematicità  della nostra Regione Liguria, sia indispensabile il ruolo del Governo: non si può abbandonare il territorio e le istituzioni locali a gestire l’urgenza senza adeguate e competenti misure di intervento. Serve una programmazione nazionale che individui nuovi stanziamenti chiedendo di dirottare una parte dei fondi comunitari 2014-2020 a questo obiettivo prioritario per la sicurezza dei cittadini. L’impegno per trovare nuove risorse economiche e strumenti per fronteggiare la gravità del dissesto idrogeologico è un atto di civiltà al quale nessuna forza politica può sottrarsi.

La sicurezza idrogeologica deve essere assunta come una delle priorità della prossima agenda di Governo, prevedendo un concreto e attuabile Piano per la Riduzione Del Rischio Idrogeologico:  evitare la possibilità di nuove catastrofi naturali è una responsabilità non più rinviabile.

Annunci